Prima di svolgere attività fisica c’’è un aspetto che non deve mai essere sottovalutato: il Warm up.

Negli articoli precedenti abbiamo parlato degli effetti positivi e negativi che una sessione di training ci può portare, ma c’è qualcosa da poter fare per prepararci al meglio ad affrontare il nostro allenamento?

Certo!

Il Warm up, più semplicemente chiamato riscaldamento o in modo tecnico Messa in Azione.

A cosa serve?

Ci aiuta ad accendere il nostro “motore” meccanico (muscolo-scheletrico), centrale (sistema nervoso) e di pompaggio (cardio-respiratorio) in modo tale da essere nelle condizioni migliori per supportare quelli stress che a breve gli verranno chiesti di raggiungere.

Previene tutti quei possibili traumi in cui possiamo incorrere durante la nostra sessione di allenamento.

Favorisce il raggiungimento della temperatura ideale (intra ed estra muscolare) per garantire la migliore efficacia degli scambi bio-chimici (energetici) .

Proprio questo punto diventa di fondamentale importanza negli sport svolti a temperature rigide, come possono essere ad esempio gli sport invernali oppure in situazioni climatiche estrema come quella che stiamo attraversando noi in questi giorni grazie al “Burian”.

Da tener conto che il momento del Warm up è molto personale quindi ognuno di noi deve elaborare il proprio sistema migliore (a volte per gli atleti professionisti questo può diventare anche una sorta di rito).

Al termine della tua seduta di allenamento poi non scordarti di integrare nel modo migliore…. Isodrops ti aspetta. Questo aspetto è importante proprio come il Warm up iniziale.

Istruttore Sportivo

dott. Marco Bertacchi

pt@nutriplus.it