Isodrops ha accompagnato per la prima volta Vito Intini durante la 12 ore di Franciacorta che l’ultramaratoneta italiano ha corso sabato scorso. Il benefici riscontrati dell’atleta, che ha chiuso la gara al settimo posto, sono stati assolutamente positivi, poiché sulla lunga distanza l’assunzione di Isodrops gli ha permesso di non avere un calo di performance anzi, al contrario, riuscendo addirittura ad aumentare la velocità nell’ultima ora di gara.

Vito Intini, quando ha assaggiato Isodrops per la prima volta?

“Avevo testato Isodrops durante alcuni allenamenti di lunga durata, da 150 minuti fino a 180 minuti, assumendone una bottiglietta dopo 120 minuti ed una appena terminato l’allenamento. Fin da subito ho riscontrato un notevole beneficio nel recupero post-allenamento. Tutto ciò mi ha permesso di affrontare le sedute di allenamento susseguenti con molta più freschezza muscolare”.

Dopo averlo testato in allenamento ha voluto provarlo anche in gara, con che frequenza?

“Un’ora prima della partenza della Ultramaratona 12 ore di Franciacorta ho assunto una prima bottiglietta di Isodrops. Poi la prima integrazione durante la gara è stata dopo 120 minuti, seguita poi da una assunzione regolare del prodotto ogni 90 minuti”.

Quali sono i problemi maggiori per chi corre questo tipo di gare?

“In questo tipo di gara di endurance è presente un calo di performance specialmente nella seconda parte, dovuto essenzialmente ad un affaticamento muscolare che non è più possibile rallentare con la semplice integrazione di zuccheri diversi (saccarosio, glucosio, maltodestrine, fruttosio,….)”.

L’assunzione di Isodrops invece che benefici le ha dato?

“Con l’integrazione mirata di Isodrops  sono riuscito a mantenere intatto l’andamento della prestazione di gara, non percependo assolutamente una sensazione di fatica muscolare nella gambe e riuscendo addirittura ad aumentare la velocità nell’ultima ora di gara.
La cosa più sorprendente è stato che già il giorno dopo era in grado di correre senza avvertire quella rigidità e pesantezza muscolare tipica dopo gare di endurance”.

Considerata la sua esperienza a cosa è dovuto tutto questo?
“Il successo sta nelle Whey Protein Isolate (proteine isolate del siero del latte) di alta qualità presenti nella bevanda Isodrops e nella presenza di aminoacidi essenziali, che bloccano il catabolismo muscolare sia durante la fase di corsa che nel post-gara”.

E adesso?
“Questa gara è stato un primo test di valutazione per poi inserire Isodrops nella mia integrazione durante le gare di 24 ore dove il calo della prestazione nella seconda parte di gara è quasi sempre molto marcato. Ora con Isodrops sento di avere un alleato per migliorare il mio personale nella 24 ore. Magari riscrivendo alcune pagine dell’Ultramaratona”.

QUESTO IL PALMARES DI VITO INTINI

Miglior Prestazione Italiana Indoor:

  • 50 miglia
  • 100 km
  • 100 miglia

8 titoli italiani IUTA (in diverse distanze di Ultramaratona)

2 titoli Grand Prix IUTA

Vestito la maglia della nazionale della 24 ore

Record italiani sul tapis roulant:

  • 24 ore
  • 100 km
  • 50 km

Record Mondiali sul tapis roulant:

  • 50 miglia
  • 6 ore
  • 12 ore staffetta 2 atleti (fatto con Ivan Cudin)

Vito Intini è inoltre riuscito nella difficilissima impresa di vincere due gare in un giorno, prima imponendosi in una 6 ore su strada e, successivamente, in una mezza maratona sulla sabbia.